Metronotte Vigilanza con Confapi Industria Piacenza: 15mila euro per la raccolta fondi pro Ucraina

 

Quando la solidarietà chiama, Confapi Industria Piacenza risponde. Ammonta a 15mila euro la raccolta fondi avviata dall’associazione guidata da Giacomo Ponginibbi e destinata alle popolazioni ucraine attraverso l’aiuto della Croce Rossa di Piacenza. La donazione è stata consegnata il 13 aprile nella sede di Confapi Industria Piacenza alla presenza del presidente Ponginibbi e del direttore Andrea Paparo, oltre che dei rappresentanti delle aziende associate che hanno contribuito alla raccolta fondi. Presente anche Alessandro Guidotti, presidente di Croce Rossa Piacenza.

«Abbiamo voluto dare un segnale di vicinanza alle famiglie ucraine - spiega Ponginibbi - voglio ringraziare tutti i colleghi che hanno aderito a questa raccolta fondi: è il segno che Confapi Industria Piacenza non si sottrae quando c’è da fare solidarietà e la conferma viene anche da alcuni imprenditori associati che hanno deciso di ospitare mamme e bambini ucraini fuggiti dalla guerra. Siamo sicuri che queste risorse saranno utilizzate in maniera utile come sempre fa Croce Rossa».

La conferma arriva appunto da Guidotti, che nel suo intervento evidenzia le varie attività in cui Cri Piacenza è stata impegnata sul fronte dell’aiuto alla popolazione ucraina: «Nell’immediato ci siamo attivati promuovendo con Federfarma una raccolta di farmaci in quasi tutte le farmacie piacentine - spiega il presidente di Croce Rossa - ad oggi abbiamo raccolto circa 110 mila euro in valore di farmaci, che sono poi portati a Bologna e da lì alla Croce Rossa ucraina. A livello locale però ci siamo anche fin da subito messi a disposizione della prefettura e di Caritas per l’accoglienza dei profughi: in particolare garantiamo l’assistenza nei trasporti e il supporto alle famiglie giunte nel nostro territorio. I 15 mila euro donati da Confapi Industria Piacenza saranno proprio destinati a questo obiettivo: aiutare con viveri e quant’altro le donne e i bambini arrivati dall’Ucraina e sostenere anche i trasporti di chi arriva qui».
Tante sono le aziende che hanno contribuito alla raccolta, compresa anche l’associazione stessa: D. M. Idrosanitaria, Delta Rem, Ponginibbi Luigi, Maini Vending, Sataci, Tualba, Tedeschi Merli, Gas Sales, Emiliana Conserve, Assiteca, Infor, Btf, Metronotte Vigilanza, Piacenza Mec Group, ACP, Deltainox e Nordmeccanica. Proprio quest’ultima, rappresentata da Vincenzo Cerciello che è anche vicepresidente di Confapi Industria Piacenza, nei giorni scorsi ha effettuato una donazione ingente di uova di Pasqua a Croce Rossa destinata ai bambini ucraini: «In questi momenti è fondamentale dare una mano - spiega - ci tenevamo a fare la nostra parte, ci fa piacere potere essere vicini alle famiglie ucraine».

www.il piacenza.it

consulta l'articolo online